GM

Incontinenza Fecale, perdita di feci. Cause e soluzioni

L’incontinenza fecale o perdita di feci è, appunto, l’incapacità di controllare il passaggio delle feci fuori dal corpo.

L’incontinenza fecale può manifestarsi insieme a stitichezza o diarrea. Di solito si verifica negli adulti anziani e nei bambini.

Il medico può valutare la condizione del paziente eseguendo un esame fisico. Poiché la perdita di feci può essere causata da diverse condizioni, il medico può ordinare degli esami per valutare eventuali problemi. Questi esami valutano il colon, il retto, i muscoli anali e i muscoli del pavimento pelvico. Il trattamento dipenderà dalla causa di fondo del disturbo. Può comprendere modifiche della dieta, farmaci, fisioterapia, interventi chirurgici o altri metodi per ripristinare la corretta funzionalità.

  • In cosa consiste l’incontinenza fecale?
  • Come viene trattata l’incontinenza fecale?

In cosa consiste l’incontinenza fecale?

Durante i normali movimenti intestinali, il retto, l’ano, i muscoli pelvici e il sistema nervoso devono lavorare insieme simultaneamente. L’incontinenza fecale può verificarsi a causa di:

  • Danni ai muscoli o ai nervi. I danni ai nervi sensoriali del retto o ai muscoli sfinterici possono causare una perdita di controllo della defecazione. Questo tipo di danno può verificarsi in seguito a parto, sforzi continui durante la defecazione, lesioni del midollo spinale o ictus. Anche malattie come il diabete mellito e la sclerosi multipla possono colpire i nervi che controllano la defecazione.
  • Danno al retto. Il retto può indurirsi a causa di un’infiammazione cronica. Questo fa sì che le feci si muovano rapidamente attraverso il retto. Questo tipo di danno può essere dovuto a colite, radioterapia o interventi chirurgici che coinvolgono il retto e l’ano.
  • Costipazione cronica (continua). La stitichezza cronica e le feci dure possono causare l’allungamento e l’indebolimento dei muscoli del retto nel corso del tempo. Questo può far sì che i muscoli intorno all’ano (chiamati sfintere anale) rimangano aperti, causando la fuoriuscita di feci.
  • Diarrea. Le feci molli possono peggiorare l’incontinenza fecale.
  • Altre condizioni. L’incontinenza fecale può anche derivare da una condizione chiamata prolasso rettale. Ciò accade quando il retto si sposta fuori posto, talvolta sporgendo fuori dal corpo. Nelle donne, l’incontinenza fecale o perdita di feci può anche derivare da una condizione chiamata rettocele. Si verifica quando il retto entra nella vagina di una donna (a causa di un indebolimento o di una lacerazione del tessuto che normalmente separa il retto dalla vagina).

Come viene trattata l’incontinenza fecale?

Il trattamento dipende dalla causa scatenante e può comprendere:

  • Modifiche della dieta e clisteri.
  • Farmaci, compresi gli antidiarroici, in caso di diarrea con perdita di feci, e lassativi per la stipsi associata a incontinenza.
  • Rieducazione con esercizi per il pavimento intestinale e pelvico per rafforzare e aumentare il controllo dei muscoli del pavimento pelvico.
  • Biofeedback per imparare a contrarre i muscoli dello sfintere anale e migliorare la sensazione rettale.
  • La stimolazione del nervo sacrale impianta un dispositivo all’interno del corpo per stimolare i nervi e prevenire l’incontinenza fecale.
  • Intervento chirurgico a:
    • riparare i danni ai muscoli del pavimento pelvico e allo sfintere anale.
    • correggere il prolasso rettale e rimuovere il rettocele.
    • riparare una malformazione ano-rettale.
  • Altre opzioni di trattamento includono:
    • Rafforzamento dello sfintere anale mediante trapianto muscolare.
    • Creazione di uno sfintere intestinale artificiale.
    • Esecuzione di una colostomia e deviazione delle feci in una sacca esterna dove si raccolgono.
    • Costruire e rafforzare i muscoli dello sfintere anale attraverso iniezioni di gel.

Soluzione con la chirurgica mini-invasiva dell’incontinenza fecale.

Come azienda da anni proponiamo il THD Sphinkeeper® come soluzione chirurgica mini-invasiva per l’incontinenza fecale.

Soluzione Chirurgica Mini Invasiva

Il dispositivo chirurgico THD Sphinkeeper® è composto da un sistema di impianto chiamato Delivery System e da 10 Dispenser contenenti altrettante protesi sterili auto-espandenti.

Questa tecnica permette di trattare efficacemente diverse forme di incontinenza anale. Le evidenze cliniche e la letteratura scientifica dimostrano l’efficacia del metodo THD Sphinkeeper® nel trattamento di:

      • episodi di incontinenza fecale (passiva, da urgenza o mista) che si verificano più di una volta a settimana e non rispondono ai trattamenti conservativi.
      • incontinenza fecale associata a incontinenza urinaria.
      • incontinenza fecale associata a precedenti trattamenti radioterapici nella zona pelvica.
      • incontinenza fecale associata a precedenti interventi chirurgici per il trattamento dell’incontinenza fecale (sfinteroplastica, SNS).
      • incontinenza fecale associata precedenti interventi chirurgici anali.

Il chirurgo valuterà se sono presenti le indicazioni all’intervento in base ai sintomi, al tipo di incontinenza e alle condizioni di salute del paziente.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Apri Chat
1
Salve e benvenuti su GM, 👋
per qualsiasi informazione scriveteci qui in chat. 😀